Festa della Madonna del Monte, festa di lavoratori

image aprile 14, 2015 / Attualità, Cultura

 

In tempi di Jobs Act e tassi di disoccupazione a due cifre, che ci sia una festa in cui il passaggio di lavoratori sia salutato dal lancio di fiori di ginestra e petali di rosa è non solo consolatorio, ma perfino commovente.
Stiamo parlando della Festa della Madonna SS.ma del Monte, o Festa delle Passate, che si tiene ogni anno a Marta, in provincia di Viterbo, il 14 maggio, cioè tra un mese esatto. Partecipazione, gioia, commozione, spontaneità, vibrazioni ancestrali, esaltazione apotropaica: è tutto ciò che noi di Lubu Lab chiamiamo propriamente “una festa”.
E poi, c’è questo aspetto dei lavoratori che sfilano diretti al Santuario della Madonna del Monte, inondati di ginestra dalla gente intorno come augurio di prosperità. Le categorie di lavoratori che si succedono sono i casenghi, i bifolchi, i villani e i pescatori, cioè tutti i principali comparti dell’economia tradizionale, quell’economia che aveva un fondamento immeditato nelle cose e con le cose mutevoli del mondo doveva di continuo fare i conti.
E se le piante si ammalano? E se le reti si ritirano sempre vuote? Meglio allora portare offerte alla Madonna del Monte, ringraziarla per quel che abbiamo avuto e pregarla di mandarcela buona anche per l’anno prossimo.
È proprio vero che l’austerità non fa bene all’economia: per rilanciare il lavoro ci vogliono piuttosto tamburi, getti di fiori, condivisione, persone che scendono per strada, un’intera comunità che si abbraccia e si dà forza per affrontare insieme i rovesci della sorte. La sostanza umana e civile è proprio questa, è come scrive un poeta a braccio martano, Milvio Meccoli:

“Chi de questo lavoro n’è profano
apprezza chi c’ha dato nutrimento
con la fatica di piede e di mano,
ce l’ha prodotto a tutti buon frumento,
con umiltà e con tanta devozione
produce ‘l pane a tutte le persone.”

(M. Meccoli, Alla Madonna del Monte, s.e., 2015, p. 23)

Le foto sono di Tricia Cronin, Joane Swenson e di Barrett Sharron.